Home Modena Venerdì tavola rotonda con Bertolini, Cassani e Zaytsev su progetti e investimenti...

Venerdì tavola rotonda con Bertolini, Cassani e Zaytsev su progetti e investimenti per l’impiantistica sportiva modenese

Sono oltre quattromila i bambini e i ragazzi modenesi che in dieci anni hanno partecipato a “Sport oltre la crisi”, il bando del Comune di Modena per sostenere la pratica sportiva dei ragazzi le cui famiglie sono in difficoltà economica che ha erogato 564 mila euro di contributi. “Sport oltre la crisi”, che verrà rilanciato anche per il 2020, è uno dei progetti dei quali si parlerà nella tavola rotonda “Dallo sport di base al sogno olimpico: investire per il futuro dello sport a Modena e in Emilia Romagna”, in programma venerdì 22 novembre, dalle 19, al Baluardo della Cittadella, e aperta a tutti. Al centro dell’iniziativa, promossa dal Comune di Modena e dalla Regione Emilia Romagna, anche l’impiantistica sportiva, con le nuove realizzazioni e gli interventi di miglioramento e riqualificazione, e il quadro sugli eventi sportivi che vedono Modena come protagonista. La tavola rotonda sarà anche l’occasione per lanciare un nuovo progetto per lo sport che propone alle società sportive, dopo averne rilevato i bisogni attraverso un approccio partecipativo, un percorso di formazione con l’obiettivo di fornire strumenti e conoscenze per tenere insieme sostenibilità economica e finalità sociali.

Ad approfondire i temi in programma saranno l’assessora allo Sport Grazia Baracchi; Milena Bertolini, commissaria tecnica della nazionale femminile di calcio; Davide Cassani, commissario tecnico della nazionale italiana maschile élite di ciclismo su strada; Rodolfo Giovenzana, fondatore della Scuola di pallavolo Anderlini; Ivan Zaytsev, capitano della nazionale maschile di volley e del Modena volley. La tavola rotonda, condotta dal giornalista Fabrizio Monari, sarà aperta dai saluti del sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli e conclusa da Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna.

Tra i grandi impianti, PalaPanini, stadio Braglia e PalaMolza sono oggetto di progetti di riqualificazione già finanziati: il Palapanini, per quasi un milione di euro; lo stadio Braglia e il PalaMolza per 1 milione e mezzo. Finanziato anche (per 950 mila euro) il primo stralcio dell’intervento di riqualificazione del campo scuola della Fratellanza nell’ambito di un progetto del valore di due milioni di euro.

Gli investimenti sull’impiantistica riguardano anche realtà più piccole: nell’ultimo anno è stata realizzata la trasformazione (con un investimento di 250 mila euro) del vecchio campo Cesana in uno spazio polivalente dove i ragazzi potranno fare attività sportiva insieme ai genitori. E sono in corso di realizzazione il tunnel di battuta del campo da baseball, uno degli 11 grandi impianti sportivi comunali, e la nuova palestra delle scuole Carducci, con un investimento di 4 milioni e 500 mila euro, oltre alla nuova palestra del Sigonio, mentre sono ancora in corso gli interventi di ripristino sugli impianti danneggiati dalla grandinata dello scorso giugno. E ammontano a oltre un milione e mezzo i contributi per il miglioramento e la riqualificazione degli impianti sportivi affidati in diritto di superficie ad associazioni e polisportive erogati tra il 2015 e il 2018 e che hanno portato a un investimento complessivo di 2 milioni 400 mila euro.

Tra i progetti per diffondere la pratica sportiva di base tra i ragazzi non c’è solo Sport oltre la crisi ma anche Scuola sport, appena rilanciato per l’anno scolastico 2019/2020 con uno stanziamento di oltre 26 mila euro e pensato per i bambini delle elementari e ha festeggiato nello scorso anno scolastico i 25 anni. L’inclusione attraverso lo sport è l’obiettivo del progetto “Sport e legalità” attivo all’Ipsia Corni. Ma lo sport di base è sostenuto anche attraverso i contributi alle iniziative e alle attività delle società sportive che per il 2018 sono stati pari a oltre 112 mila euro.

Alla tavola rotonda sarà presentato anche “Scores”, il progetto europeo diretto a sviluppare, negli sportivi, abilità e competenze spendibili nel mondo del lavoro. A gennaio 2020 il progetto prevede una tappa modenese con l’iniziativa “Formarsi per formare”, rivolta a dirigenti e allenatori e condotta da formatori dell’università di Scienze applicate di Amsterdam.

(nell’immagine, a sinistra Grazia Baracchi, assessora allo Sport del Comune di Modena; a destra Giovanna Rondinone dirigente settore Sport del Comune)