Home Ambiente Legambiente Modena: “Riparte CIVICO 5.0, la campagna di monitoraggio dei consumi energetici...

Legambiente Modena: “Riparte CIVICO 5.0, la campagna di monitoraggio dei consumi energetici dei condomini”

Secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente, in Italia le morti premature da esposizione a lungo termine a polveri sottili (PM10 e PM2.5), biossido di azoto (NO2) e ozono (O3) sono oltre 80.000 l’anno. I principali responsabili sono gli edifici in cui viviamo, lavoriamo e studiamo, ma anche il traffico veicolare, gli impianti di riscaldamento civili e industriali, le centrali per la produzione di energia e i siti industriali. The Lancet colloca il nostro Paese all’undicesimo posto nel Mondo per questo indicatore, ed è evidente come sia assolutamente urgente ridurre le emissioni di polveri sottili che inquinano l’aria che respiriamo, in particolare durante l’inverno.
Allo stesso tempo la finestra a nostra disposizione per intervenire drasticamente sulle emissioni di CO2 responsabili del cambiamento climatico si riduce sempre di più, giorno dopo giorno. L’allarme dell’IPCC è chiaro: abbiamo solo 10 anni per invertire la tendenza delle emissioni e non superare l’obiettivo di 1,5°C fissato dall’Accordo di Parigi.

Per questo, oltre a continuare a chiedere interventi risolutivi da parte delle pubbliche amministrazioni e dei principali inquinatori ed emettitori privati, nel corso dell’inverno il circolo Legambiente Modena “Angelo Vassallo” sarà nuovamente impegnato nelle attività di monitoraggio della campagna Civico 5.0: analisi dei consumi energetici, dispersioni termiche dei condomini, analisi dei fumi delle caldaie, inquinamento indoor e acustico. 5 parametri per disegnare e raccontare alle famiglie e ai cittadini non solo lo stato di salute dei luoghi in vivono, ma anche tutte le opportunità e le azioni concrete che possono fare per vivere in luogo confortevole, salubre e accogliente.

L’obiettivo della campagna Civico 5.0, lanciata da Legambiente a livello nazionale e ospitata per la seconda volta dalla città di Modena, è quello di rendere i cittadini consapevoli del proprio impatto sull’ambiente, stimolando tutta la filiera che ruota intorno al mondo dell’edilizia a ripensare al mondo dei condomini e agli interventi di riqualificazione edilizia come un’opportunità di rilancio del settore, ma anche per promuovere un modo di vivere diverso: in edifici efficienti, salubri, connessi a impianti da fonti rinnovabili, sia per la parte termica che elettrica, e caratterizzati da sistemi e servizi condivisi.

A Modena, in particolare, le attività si concentreranno sull’analisi delle dispersioni termiche e dei consumi di un insieme di condomini, coinvolgendo direttamente alcuni residenti e diffondendo la conoscenza degli strumenti tecnici e finanziari disponibili per ridurre i consumi e i costi dell’energia.
Oggi infatti, grazie alle detrazioni fiscali e alla cessione del credito, è possibile intervenire sugli edifici a costi ridotti, con risultati significativi e con un risparmio misurabile, in termini di energia, di confort e anche… di costo delle bollette!
Per questo cercheremo di coinvolgere il maggior numero di persone possibile, per spiegare come ciascuno di noi può contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici e l’inquinamento che attanaglia il nostro territorio durante l’inverno. Si può fare con investimenti concreti, caratterizzati da vantaggi per i singoli e per la collettività.

Il lancio della campagna si terrà lunedì 9 dicembre presso l’Officina Windsor Park (via San Faustino 155/U) a Modena, con un seminario dedicato a cittadini residenti in condomini e amministratori condominiali.
Le attività inizieranno alle 8.30 con un tour di quartiere per analizzare dal vivo le dispersioni di alcuni condomini.
Alle 10.30, dopo un coffee break, si svolgerà una tavola rotonda con esperti e rappresentanti di enti pubblici e privati, che illustreranno interventi di riqualificazione energetica e buone pratiche. All’iniziativa parteciperanno i rappresentanti di Enel X, Fassa Bortolo, Testo (partner della campagna), insieme ad attori del territorio come il Comune di Modena e l’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile (AESS).

Per partecipare al seminario è possibile iscriversi compilando il modulo disponibile online sulla pagina Facebook e sul sito del circolo. Per qualsiasi informazione è possibile scrivere al circolo di Legambiente all’indirizzo e-mail info@legambientemodena.it