Home Modena “In pista” per le festività gli operatori del progetto “Buonalanotte” del Comune...

“In pista” per le festività gli operatori del progetto “Buonalanotte” del Comune di Modena

Dotati di nuovi etilometri e opuscoli informativi, tornano in pista per le festività natalizie e di fine d’anno gli operatori del progetto “Buonalanotte” del Comune di Modena. Nel fine settimana di sabato 27 e domenica 28 dicembre sono previste quattro uscite in altrettanti locali modenesi, dalle 23 alle 3 del mattino, per sensibilizzare i giovani a ritornare a casa in sicurezza dopo una serata di divertimento Promosso e realizzato dal Comune di Modena per informare i frequentatori dei locali sugli effetti di alcol e droghe e sulle conseguenze alla guida, il progetto nei primi nove mesi del 2019 ha portato a 1672 contatti (in maggioranza maschi tra 20 e 24 anni di età) di cui 1081 con etilometro, attraverso lo svolgimento di 40 interventi in diversi locali di Modena e in zone e occasioni di “movida” in primavera-estate, come ad esempio alla Notte Bianca, alla Notte Gialla e in Pomposa.

Gli operatori avvicinano i giovani per proporre l’etilometro e consigliano a chi vorrebbe guidare con un tasso alcolemico sopra il limite di 0,5 g/l (zero per i neopatentati e i minori di 21 anni) di aspettare lo smaltimento dell’alcol, passare le chiavi a chi è sobrio o nel limite, o anche di prendere un taxi (a questo scopo hanno a disposizione coupon prepagati). Il consiglio più seguito risulta essere quello di aspettare lo smaltimento dell’alcol, seguito da quello di cedere le chiavi. La stragrande maggioranza dei ragazzi si dimostra responsabile: è nel limite; se non è nel limite non intende guidare; segue uno dei consigli degli operatori. Una minoranza (intorno al 5%) si rimette però alla guida in condizioni critiche per sé e per gli altri. Nel 2019 sono stati distribuiti 1358 depliant su “alcol e droga: le conseguenze alla guida” e su “Malattie sessualmente trasmissibili”; 660 etiltest monouso e 1108 condom; quattro buoni taxi a giovani che sono rientrati a casa in sicurezza.

Il progetto, promosso dall’assessorato alle Politiche giovanili del Comune è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dall’Ausl di Modena e si svolge con la collaborazione dei gestori dei locali in cui sono stati svolti gli interventi, nell’ambito del protocollo di intesa “per la notte responsabile”. Info online (www.stradanove.it).