Home Modena Tre premi per Unimore al Forum della Borsa di Ricerca

Tre premi per Unimore al Forum della Borsa di Ricerca

L’Università di Modena e Reggio Emilia si è aggiudicata tre dei cinque premi messi a disposizione dal Forum della Borsa della Ricerca, un’iniziativa nazionale nata come strumento di dialogo tra aziende e ricercatori, al fine di incentivare il trasferimento tecnologico e innescare meccanismi di innovazione.

Due premi sono stati ottenuti dalla startup innovativa Novac srl, nata durante la prima edizione del progetto TACC di Unimore (Training for Automotive Companies Creation) e costituitasi ufficialmente solo pochi giorni fa. Si tratta del premio “Eureka! Ventures” e del “Best Pitch”.

A questi si aggiunge un riconoscimento ulteriore per l’Ateneo di Modena e Reggio Emilia, quello dato da Fondazione Emblema al team tutto al femminile della startup PerFormS srl, nata dall’idea di tre ricercatrici Unimore.

La mission di Novac è di creare supercondensatori strutturali completamente allo stato solido modellabili su qualsiasi superficie. La vision è quella di rivoluzionare la mobilità elettrica accoppiando le batterie con sistemi sicuri e ad alta densità di potenza, aumentando così la vita utile del pacco batterie e le sue performance. Le applicazioni su cui si concentra Novac srl sono i veicoli elettrici e l’aerospace.

“Mentre presentavamo il progetto al Forum della Borsa della Ricerca – commenta Matteo Bertocchi, socio di Novac srl – abbiamo ricevuto la notizia dell’avvenuta costituzione della società. Pochi minuti dopo abbiamo ricevuto i due premi; siamo sicuri che non ci fosse modo migliore per festeggiare la nascita della Novac srl”.

PerForms si occupa di sviluppare strategie per migliorare l’efficacia delle molecole bioattive nei prodotti cosmetici e farmaceutici. Tra i primi prodotti messi a punto c’è Nano-ReSkin, una crema studiata per il trattamento specifico delle infiammazioni cutanee, come la psoriasi, che contiene una molecola endogena con attività anti-infiammatoria che grazie alla sua formulazione nanoparticellare è in grado di trasportare la sostanza attiva direttamente nel sito d’azione, aumentandone l’efficacia.

“Ancora una volta va rivolto un ringraziamento al sostegno dell’ufficio Industrial Liaison Office che ci ha incoraggiate a partecipare all’evento – afferma la prof.ssa Eliana Leo, co-founder di Performs -. Il successo delle start-up targate Unimore nelle competizioni nazionali denota come le azioni volte al sostegno del trasferimento tecnologico siano efficaci e pertanto meritino certamente di essere implementate”.