Home Modena Arcigay, Agedo e MoReGay in merito all’approvazione in Consiglio Comunale a Modena...

Arcigay, Agedo e MoReGay in merito all’approvazione in Consiglio Comunale a Modena dell’Ordine del Giorno a sostegno della Legge Zan

Arcigay Modena Matthew Shepard, Agedo Bologna e l’associazione universitaria MoReGay applaudono l’approvazione in Consiglio Comunale a Modena dell’Ordine del Giorno a sostegno della Legge Zan contro misoginia e discriminazione per genere, identità di genere e orientamento affettivo-sessuale, con prima firmataria Federica Venturelli del PD e sostenuta fortemente da tutta la coalizione di maggioranza, in particolare Sinistra per Modena e Verdi.

“Risultato che va a rinforzare quelle di analoghi Ordini del Giorno approvati in Provincia di Modena e Regione Emilia-Romagna, e che segue di pochi giorni quella del Consiglio Comunale di Reggio Emilia.

Una chiara dimostrazione che, nonostante il clima di emergenza che rischia costantemente di bloccare non solo la nostra provincia o regione ma tutto il Paese, la strada per una Modena non solo attenta ma proattiva nel raggiungimento dei diritti per tutti, che non lascia indietro nessuna persona, e che ha visto un passaggio fondamentale col Modena Pride 2019, continua il proprio percorso con convinzione ed impegno.

Ci rammarichiamo per una sparuta minoranza che, stando ad un Ordine del Giorno presentato assieme a quello approvato, seppur con altro esito, non ritiene invece fondamentale tutelare le vittime di discriminazione perché, a loro detta, non rilevanti come numero. Più di 200 denunce, che sappiamo essere una minima punta dell’iceberg delle reali discriminazioni, sarebbero irrilevanti. E soprattutto, la violenza sarebbe rilevante solo oltre ad un certo numero, e non da fermare perché violenza. Ci dispiace per questa visione, così come ci rallegriamo di constatare che non sia realmente rappresentativa di una Modena dal tessuto sempre più inclusivo e accogliente.

Ora come associazione e come cittadini ci auguriamo che il percorso della legge proceda in Parlamento senza ostruzioni e compromessi al ribasso, e che riesca a rendere reale e tangibile la tutela di tutte le identità, e le vite, coinvolte.

Invitiamo tutti a manifestare con noi in tal senso nella mobilitazione nazionale Dalla Parte dei Diritti sabato 17 ottobre, a Modena presso Piazza Mazzini dalle 14.30 e in seguito all’interno delle attività del Màt presso Piazza Grande dalle 15:30 e dalle 18:30 presso lo Spazio Nuovo, di fianco alla nostra sede, in Via 4 Novembre 40, tramite l’Aperimàt e la nostra Biblioteca Vivente”.

***

In foto: Federica Venturelli, capogruppo in Consiglio Comunale per PD Modena, Stefano Manicardi PD Modena, Camilla Scarpa capogruppo Sinistra per Modena, Paola Aime capogruppo Verdi Modena, festeggiano l’approvazione assieme a volontar* e attivist* di Arcigay Modena Matthew Shepard (tra cui il Presidente Francesco Donini, la Vicepresidente Valentina Quattrocchi e i component* del Direttivo Angelica Polmonari e Francesco Musillo) e di Gruppo Genitori Agedo Modena (tra cui la Presidente di Agedo Bologna Antonella Parrocchetti).