Home Cronaca ANPI: morta a Modena, nella struttura dove era ospite, Ibes Pioli “Rina”

ANPI: morta a Modena, nella struttura dove era ospite, Ibes Pioli “Rina”

Il  virus Covid-19  ha portato via anche lei: Ibes Pioli, la partigiana “Rina”. Una vita spesa per difendere e diffondere la democrazia e la pace.

Ibes, nasce a Cavezzo nel 1926; durante la guerra di Liberazione è studente e ricopre il ruolo di staffetta, tra Modena  e la  “Bassa” ,  per la Brigata “Remo” con il nome di battaglia “Rina” ed è stata  anche componente del Comitato Provinciale dei Gruppi di Difesa della Donna.  Dopo la guerra, il matrimonio e il lavoro come amministratrice  di Azienda.

Nell’ANPI, “Rina” è stata impegnata a lungo, soprattutto nel trasmettere alle giovani generazioni  quei valori da cui una società civile non può prescindere: libertà, democrazia, giustizia sociale. Così, come il ruolo della Donna, la sua dignità.   Valori che “Rina” ha sempre difeso con la forza del suo pensiero e del suo operato.

Il Covid-19 sta cancellando generazioni  che hanno contribuito non solo a difendere, ma anche a costruire un Paese nuovo. Molto si deve a persone come “Rina” e il modo migliore per ricordarla è  raccogliere il testimone e proseguire sulla strada lastricata di quei principi fondamentali, quei valori che “Rina” ha sempre difeso con la forza del suo pensiero e del suo operato.

I funerali si svolgeranno, in forma privata, martedì 24 Novembre, alle ore 14, a partire dalla struttura dove era ospite in Via Mar Mediterraneo 84 a Modena.