Home Cronaca Alcune denunce a Modena durante i controlli congiunti della Polizia locale con...

Alcune denunce a Modena durante i controlli congiunti della Polizia locale con le Forze dell’ordine

Procedono i controlli congiunti della Polizia locale con le Forze dell’ordine. Nel pomeriggio di martedì 1 dicembre Polizia locale, Guardia di Finanza e Carabinieri hanno effettuato un controllo all’interno dell’area verde del Novi Sad di Modena, dove le telecamere del sistema di videosorveglianza cittadino collegate alla Sala operativa stavano registrando un gruppo di stranieri intenti a scambi sospetti che facevano presupporre la presenza di sostanze stupefacenti.

Tutti i componenti del gruppo sono stati identificati e controllati ed un soggetto di 24 anni, di nazionalità tunisina, è stato trovato in possesso di 25 grammi di hashish e di 115 euro, mentre un altro ragazzo, minorenne, ha cercato di disfarsi, gettandole a terra, 10 stecche di hashish per un peso complessivo di 5 grammi circa.
Entrambi sono stati accompagnati al Comando della Polizia locale di via Galilei e denunciati a piede libero per detenzione di sostanze stupefacenti; il maggiorenne è stato anche sanzionato per la violazione alla norma anti Covid-19 che vieta gli assembramenti.

Trovati dalla Polizia locale di Modena a bordo di un’auto su cui nascondevano diversi coltelli, sono stati identificati, denunciati e sottoposti ad espulsione due uomini con numerosi precedenti penali. Era quasi l’una di notte tra sabato 28 e domenica 29 novembre, quando due operatori, intenti a rientrare al Comando a fine turno, hanno notato in via Emilia ovest, all’altezza del parco Ferrari, l’auto con a bordo i due stranieri allontanarsi in fretta. Gli agenti hanno subito fermato il veicolo per un controllo finalizzato a verificare anche il rispetto delle disposizioni anti-Covid.

I due uomini fermati, entrambi stranieri, erano privi di documenti e di patente di guida; inoltre da un controllo accurato è emerso che sotto il seggiolino il passeggero nascondeva ben tre coltelli, il più grosso dei quali con un’affilata lama di 30 cm. Accompagnati al Comando di via Galilei, sono stati identificati: si tratta di due persone di nazionalità marocchina di 39 (M.A. le iniziali) e 35 anni (F.A.) con diversi precedenti penali che vanno dallo spaccio di stupefacenti a rapina e scippo, irregolari sul territorio italiano; inoltre su entrambi gravano già provvedimenti di espulsione.

I due sono stati denunciati per porto abusivo di armi, oltre che per inosservanza alle leggi sull’immigrazione ed espulsi; in particolare, vista la pregiudizievole situazione soprattutto del più giovane e grazie alla collaborazione della Questura, il 35enne è stato accompagnato presso un centro di identificazione in altra regione per l’accompagnamento fisico al paese d’origine. Sequestrati i coltelli e sottoposta a fermo amministrativo l’auto che è risultata di proprietà di un italiano con precedenti per spaccio di stupefacenti.