Home Modena Castelfranco Emilia, al via la riqualificazione dell’area di via Tarozzi

Castelfranco Emilia, al via la riqualificazione dell’area di via Tarozzi

Mentre proseguono i lavori per la demolizione dell’ultima porzione di fabbricato all’interno del complesso delle case operaie di via Tarozzi, sono iniziati i lavori per la riqualificazione temporanea dell’intera area.  Si tratta di interventi temporanei, e tra questi rientra anche la ricucitura della viabilità, attraverso un percorso ciclo pedonale attrezzato, di collegamento tra la via Circondaria Sud e la via Ripa Superiore, sovrapposto all’ex via Tarozzi. Nel percorso, che sarà tutto illuminato,  saranno installate delle sedute fisse, di recupero da altri interventi.

L’area su cui poggiava il sedime dei vecchi fabbricati, sarà poi destinata prevalentemente a verde, ad eccezione di una porzione destinata a parcheggi pubblici nella porzione ubicata verso via Parenti. “Ma le novità non finiscono qui – spiega il Sindaco Giovanni Gargano – perché come già promesso in altre occasioni, le linee guida ed i criteri generali per la riqualificazione dell’area saranno definiti in collaborazione con la cittadinanza, attraverso un percorso partecipato, e seguendo tre principi fondamentali: verde, bello e identitario”. “Un percorso – aggiunge il vicesindaco Denis Bertoncelli – che auspichiamo sia partecipato anche dagli studenti e dai più giovani”.

Nei prossimi giorni partiranno i lavori per il posizionamento di un fabbricato temporaneo in legno, destinato ad accogliere contestualmente due spazi, uno per la partecipazione, l’altro ideato per  attività laboratoriali e formative. “Una riqualificazione ed un allestimento innovativo – spiega l’Assessore al Welfare Nadia Caselgrandi – destinati ad accogliere idee e progetti, ma anche ad insegnare nuovi e particolari mestieri,  attraverso specifiche attività di formazione”. In altre parole,  a Castelfranco Emilia, tutto è pronto per accogliere “il nuovo e temporaneo parco della partecipazione e solidarietà”, conclude il Sindaco Giovanni Gargano.