Home Cronaca Esondazione del Panaro a Nonantola, la situazione

Esondazione del Panaro a Nonantola, la situazione

I  71 volontari della Protezione civile della Regione Emilia Romagna hanno effettuato 44 interventi. Oggi, lunedì 14 dicembre, saranno operative a Nonantola 4 squadre provenienti sempre dall’Emilia Romagna.

Generatore di via Pasolini e dintorni

Da ieri è in funzionamento la caldaia mobile che sostituisce in modo provvisorio il co-generatore che fornisce acqua calda e riscaldamento a14 palazzine di via Pasolini e dintorni

Ripuliamo Nonantola

Tra sabato e domencia si sono ritrovati 306 volontari per effettuare la pulizia dei rifiuti delle strade. Gli interventi sono stati 84. Inoltre sono proseguite le preziose iniziative della Consulta del Volontariato impegnata nel sostegno alla popolazione, tra le varie attività ricordiamo anche l’aiuto alle famiglie per la pulizia all’interno delle abitazioni. Ieri hanno operato 109 volontari. Il Comune ringrazia tutti gli intervenuti, la Consulta del Volontariato per il grande lavoro svolto e le Associazioni di volontari presenti a Nonantola (l’Amministrazione si scusa se per caso c’è stata qualche dimenticanza, ma sono state fortunatamente tante le realtà ad aver dato una preziosissima collaborazione alla popolazione in questi giorni così difficili): Tennis Accademy Nonantola, Cittadinanza attiva Castelfranco, Avis Ravarino, Lapam Nonantola, Anni in fuga, Sementerie artistich, Legambient, Avis Nonantola, Curva Nonantola giallo blu, Agisc, Vis, Baracca beach, Gruppo comunale di Crevalcore (di minoranza).

Il Comune di Nonantola invia un ringraziamento altrettanto speciale a Orm e Anc, le associazioni di Protezione Civile presenti sul nostro territorio, che hanno collaborato dal primo giorno aiutando cittadini, Amministrazione e supportando anche le Colonne Regionali. Nonantola ha, e avrà in futuro, ancora tanto bisogno della loro coscienza e competenza.

 

Raccolta rifiuti ingombranti da parte di Geovest

L’esposizione libera, sia nel capoluogo che nelle frazioni, sarà possibile fino a martedì  15/12. Il materiale dovrà  essere collocato lontano da recinzioni e cancellate e possibilmente non va collocato alla fine di veicoli chiusi in cui i mezzi non possono operare. Inoltre si chiede di mettere nei sacchi i piccoli materiali  e di mantenere separati gli elettrodomestici (RAE) al momento dell’esposizione.

I rifiuti collocati in strada dal giorno 16 dicembre saranno nuovamente raccolti, con passaggi automatici e strutturali, non continuativamente come accaduto in questi giorni, ma da sabato 19 a martedì 22 dicembre.

Continua la normale raccolta “porta a porta”, come da calendario, ed anche lo  svuotamento dei raccoglitori stradali.

 

Centro Operativo Comunale, nuovo orario per il contatto telefonico

A partire da domani il Centro Operativo Comunale è disponibile ai  numeri riservati ai cittadini (059896540 – 059896513) dalle ore 08 alle ore 20

 

“Nonantola città d’arte” per la raccolta fondi per l’emergenza alluvione

Il gruppo NonantolArte, istituito all’interno dell’associazione La Clessida APS, promuove una raccolta fondi da versare al Comune di Nonantola attraverso il conto corrente istituito appositamente per l’emergenza alluvione. Nelle giornate di martedì, giovedì e sabato è possibile recarsi presso l’associazione in Piazza Tien An Men e acquistare il calendario con i dipinti raffiguranti Nonantola, cataloghi d’arte e dipinti donati da artisti.

 

Un aiuto per far ripartire Nonantola

Nonantola, colpita duramente dall’alluvione di domenica 6 dicembre provocata dalla rottura dell’argine del Panaro tra Castelfranco Emilia e Gaggio, in queste ore sta facendo anche i conti con gli ingentissimi danni a residenti, edifici pubblici ed aziende. Considerando le tante richieste giunte per poter fornire un aiuto al paese, il Comune ha aperto un conto corrente per contribuire alla rinascita di Nonantola.

Causale: Esondazione Nonantola

Iban: IT89 U061 1566 8900 0000 0004 150

 

 

L’emergenza non è finita – sottolinea l’Amministrazione Comunale –  si esce solo dalla fase più acuta ma c’è ancora tantissimo da fare perché tutti possano ritornare alla “normalità”. Lo sappiamo e continueremo a lavorare per noi, per Nonantola.