Home Economia Confesercenti Modena: “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia”

Confesercenti Modena: “Portiamo le imprese fuori dalla pandemia”

“Portiamo le imprese fuori dalla pandemia” sarà la parola d’ordine della giornata scelta da Confesercenti per una mobilitazione nazionale: un’estesa azione di protesta e sensibilizzazione “a distanza” che coinvolge migliaia di imprenditori. Obiettivo della manifestazione indetta da Confesercenti è dare voce, attraverso iniziative in tutte le Regioni italiane, alle necessità e alle richieste delle attività del Terziario, del Commercio, del Turismo: sostegni adeguati alle perdite realmente subite e ai costi fissi sostenuti, credito immediato e un piano per permettere alle imprese di riaprire in sicurezza.

Le proposte di Confesercenti sono oggetto di una petizione on line, che è possibile sottoscrivere su www.confesercenti.it da mercoledì 7 aprile, e saranno inviate in massa contemporaneamente ai membri del Governo, a deputati e senatori, ai governatori delle Regioni. L’iniziativa sarà accompagnata da una lettera aperta al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella da parte della Presidente Nazionale di Confesercenti, Patrizia De Luise.

“Dopo 395 passati dal primo lockdown le nostre imprese sono rimaste le sole a sopportare il peso di limitazioni inique e contraddittorie. E palesemente inutili, considerato che siamo tuttora in zona Rossa, che costa ai nostri settori e al sistema economico nazionale 80 milioni di euro al giorno di perdita di fatturato – spiega Mauro Rossi, Presidente Confesercenti Modena – Nella nostra Regione, è previsto nel pomeriggio una video call con il Presidente di Regione Stefano Bonaccini e l’Assessore al Turismo e Commercio Andrea Corsini, aperta a tutti gli associati.”

Confesercenti ribadisce l’importanza di un’accelerazione della campagna vaccinale. “Ma non basta – sottolinea Mauro Rossi – è necessario un Decreto Imprese che comprenda sostegni adeguati alle perdite che abbiamo subito e credito immediato, ma prioritariamente serve un piano per ripartire: vogliamo tornare a lavorare e lo possiamo fare in sicurezza. Il non poterlo fare ci avvilisce, ci strema economicamente e rischia di farci perdere quella dignità di imprenditori di cui siamo orgogliosi. In attesa che il piano vaccinale decolli, abbiamo necessità di essere messi nelle condizioni di resistere. Noi imprese siamo il motore dell’economia e del lavoro. Solo se ripartiamo noi riparte l’Italia.”