Home Economia Lapam Costruzioni: “Bene la proposta di Muzzarelli di prorogare il Superbonus 110%...

Lapam Costruzioni: “Bene la proposta di Muzzarelli di prorogare il Superbonus 110% al 2026. E’ necessario l’impegno di tutti per raggiungere questo importante risultato”

Lapam Costruzioni: “Bene la proposta di Muzzarelli di prorogare il Superbonus 110% al 2026. E’ necessario l’impegno di tutti per raggiungere questo importante risultato”“Accogliamo con favore la proposta del Sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, di prorogare il Superbonus 110% per la riqualificazione energetica degli edifici. La lettera che Muzzarelli ha scritto a Draghi la sottoscriviamo in toto: del resto già più volte abbiamo presentato la richiesta di una proroga. Il motivo, come abbiamo sottolineato in tempi non sospetti e come rimarcato dal sindaco di Modena, riguarda in particolare il tema dei costi e della reperibilità delle materie prime: oggi trovare materiale per i cappotti degli edifici o restare nei parametri di spesa previsti, sta diventando impossibile”.

Lapam Costruzioni rilancia la proposta della proroga del Superbonus 110%, che sta funzionando ma su cui ora è in corso una vera e propria ‘corsa contro il tempo’ e ringrazia Muzzarelli per la lettera scritta a Draghi. “Siamo convinti – prosegue la categoria Costruzioni di Lapam Confartigianato – che solo con un gioco di squadra tra imprese, associazioni, enti locali e amministrazioni e Governo centrale, si possa raggiungere questo importante obiettivo che, lo ricordiamo, ha come obiettivo principale quello di riqualificare dal punto di vista energetico il patrimonio immobiliare e che comporterà importanti risparmi energetici, ambientali e di denaro. Il rischio concreto è che molti, per timore di non stare nei tempi, lascino cadere questa opportunità e che qualcuno rimanga impigliato nelle maglie della burocrazia e non completi in tempo i lavori. Una proroga al 2026 consentirebbe di poter agire in modo programmato e soprattutto – conclude Lapam – di evitare i problemi legati alla reperibilità e al costo delle materie prime, evitando così anche pericolose speculazioni”.