Home Castelnuovo Rangone Castelnuovo, incontro coi cittadini sulla progettazione del centro

Castelnuovo, incontro coi cittadini sulla progettazione del centro


ora in onda
________________



Castelnuovo, incontro coi cittadini sulla progettazione del centroDa Villa Ferrari all’area dell’ex Cinema Verdi, il nuovo profilo del centro storico di Castelnuovo prenderà forma già a partire dai prossimi mesi. Novità attese e destinate a dare un nuovo volto al paese, ma che rappresentano solo la prima parte di un percorso di cambiamento più lungo, che l’Amministrazione comunale di Castelnuovo intende percorrere insieme ai cittadini. Per costruire un dialogo e condividere idee sulle scelte strategiche che coinvolgeranno il  centro storico, domani, 21 ottobre, alle 21 in Sala del Consiglio, si terrà il primo incontro di “A Castelnuovo. Domani”, percorso partecipativo per riflettere insieme alla comunità sulla Castelnuovo che verrà.

All’incontro parteciperanno il Sindaco di Castelnuovo Massimo Paradisi e la Consigliera delegata alla Partecipazione Paola Pavarotti, insieme ai professionisti incaricati a seguire i progetti.

“Attraverso strumenti come il PNRR – spiega Massimo Paradisi, Sindaco di Castelnuovo – nei prossimi cinque anni abbiamo l’occasione di realizzare infrastrutture in grado di cambiare profondamente il volto del nostro paese e aumentare i servizi, in un’ottica di innovazione e sostenibilità ambientale. Vogliamo farci trovare pronti e cogliere le opportunità di finanziamento che potranno arrivare sul territorio. Per farlo chiediamo la collaborazione dei cittadini, invitati a partecipare a questi momenti di pianificazione, utili a tracciare le linee di indirizzo per la Castelnuovo del futuro”.

“La partecipazione dei cittadini diventa un elemento fondamentale nelle politiche locali – aggiunge Paola Pavarotti, Consigliera con delega alla Partecipazione –. La scelta per il futuro non può essere soltanto una lista di desiderata, ma una riflessione su come far dialogare i cittadini e la scoperta di nuove metodologie e rituali di incontro”.