Home Modena Covid in provincia di Modena: ancora in calo nuovi casi, persone esaminate...

Covid in provincia di Modena: ancora in calo nuovi casi, persone esaminate e ricoveri quotidiani

Covid in provincia di Modena: ancora in calo nuovi casi, persone esaminate e ricoveri quotidiani
(foto: Italpress)

Ancora in calo, nell’ultima settimana di osservazione, nuovi casi, persone esaminate e ricoveri quotidiani. Nei giorni scorsi, inoltre, è stato dimesso l’ultimo ospite dal Concordia Hotel, che da fine febbraio non sarà più utilizzato per ospitare persone Covid positive. Sono 264 i pazienti Covid positivi ricoverati, a lunedì 21 febbraio, negli ospedali modenesi.

ANDAMENTO GENERALE

Casi

Il totale di positivi segnalati a livello regionale, lunedì 21 febbraio, per la provincia di Modena è di 182.109 (erano 179.035 lo scorso 14 febbraio).

Al 21 febbraio in provincia di Modena sono accertati 5.811 (erano 9.400 il 14 febbraio, -38%) casi di persone con in corso l’infezione da Covid-19.

Dei positivi attivi, 5.547 sono in isolamento domiciliare o presso altre strutture.

 

Ricoveri totali

A lunedì 21 febbraio sono 264 (erano 349 il 14 febbraio, -24%) i pazienti assistiti in regime di ricovero negli ospedali della provincia. Da report regionale risultano ricoverati 167 pazienti covid positivi in AOU, 30 all’Ospedale di Sassuolo e 67 negli ospedali a gestione Ausl.

 

Persone in isolamento domiciliare

Al 21 febbraio sono in isolamento 5.876 (erano 9.601 il 14 febbraio, -39%) persone. In particolare:

  • 5.547 (erano 9.051) persone covid positive
  • 329 (erano 550) contatti stretti di casi accertati in quarantena.

 

Alla luce dei dati si sottolinea la necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione come utilizzo di mascherine, igiene delle mani e distanziamento sociale e di proseguire nelle attività di sorveglianza e di vaccinazione.

 



Articolo precedenteQuattro persone arrestate per rapina aggravata dai carabinieri di Modena
Articolo successivoFormazione professionale, competenze digitali e di transizione verde: ecco le nuove regole di accreditamento per gli enti