Home Economia Canone unico sui dehor: non sufficiente lo sconto del 50% solo sull’ampliamento...

Canone unico sui dehor: non sufficiente lo sconto del 50% solo sull’ampliamento e fino al 30 giugno

Canone unico sui dehor: non sufficiente lo sconto del 50% solo sull’ampliamento e fino al 30 giugno“Giudichiamo un primo segnale positivo la decisione dell’Amministrazione Comunale di prorogare fino al 30 giugno gli ‘ampliamenti Covid’, ma lo sconto del 50% sul canone unico da pagare a partire dal 1° aprile, previsto solo sull’ampliamento e non su tutta la superficie occupata, non è sufficiente: stante la situazione di difficoltà nella quale versano in particolare i pubblici esercizi, va fatto uno sforzo maggiore esonerando le imprese dal canone unico su tutta la superficie e fino alla fine dell’anno”.

Così Cna, Confcommercio, Confesercenti e Lapam Licom a commento dell’uscita dell’assessora alle Politiche Economiche Ludovica Ferrari.

“Purtroppo – osservano le quattro sigle – le conseguenze della pandemia non sono ancora archiviate, da mesi proprio bar e ristoranti sono alle prese con l’esplosione della bolletta energetica, in un quadro di sempre maggiore incertezza causato dal conflitto in Ucraina e dalle tensioni sui mercati e che sta ingenerando un effetto depressivo sui consumi delle famiglie modenesi”.

“Per questo – continua la nota di Cna, Confcommercio, Confesercenti e Lapam Licom – torniamo a chiedere, come abbiamo fatto nelle scorse settimane, che le imprese vengano completamente esentate dal pagamento del canone unico sui dehor e che l’esenzione valga fino alle fine del 2022”.

“I mesi estivi – sottolineano le Associazioni – saranno determinanti per numerose imprese: se non ci fosse una ripresa, dopo due anni di limitazioni di attività, e se la crisi internazionale dovesse durare per mesi penalizzando ancora di più i consumi, numerose saranno le aziende costrette ad abbassare per sempre le saracinesche, con inevitabili conseguenze anche sul piano occupazionale”.



Articolo precedenteRischio incendi boschivi, da sabato 26 marzo in Emilia-Romagna scatta lo stato di grave pericolosità: allerta codice arancione per l’aggravarsi della siccità
Articolo successivoNato, accordo sulle spese militari al 2% del Pil