Home Cronaca Controlli dei Carabinieri alla Stazione delle Corriere di Modena: arrestato un giovane...

Controlli dei Carabinieri alla Stazione delle Corriere di Modena: arrestato un giovane per spaccio di stupefacenti

Controlli dei Carabinieri alla Stazione delle Corriere di Modena: arrestato un giovane per spaccio di stupefacentiNel tardo pomeriggio di ieri, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Modena, durante il servizio di vigilanza nelle zone prossime alla Stazione Autocorriere del Capoluogo hanno notato un giovane che, alla vista dei militari si è allontanato frettolosamente lasciando cadere a terra un involucro. I militari hanno fermato il ragazzo e raccolto il pacchetto che conteneva 90 grammi di hashish. Il ragazzo, 21enne senza fissa dimora, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e condotto questa mattina davanti al Giudice del tribunale di Modena per l’udienza con rito direttissimo.

Lo spaccio e l’uso di sostanze stupefacenti, specie nelle serate estive e nei luoghi maggiormente frequentati dai giovani, sono spesso alla base della commissione di altri più gravi reati contro la persona e contro il patrimonio. Per questo motivo, il Comando Provinciale dei Carabinieri, attraverso i Comandi di Compagnia, ha predisposto una pianificazione di specifici servizi serali e notturni nei centri urbani della provincia, così come avvenuto nei giorni precedenti.

 

Sempre nel pomeriggio di ieri, e sempre i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Modena hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica un 29enne per furto aggravato. I militari sono intervenuti presso un centro commerciale, dove l’uomo si era impossessato di generi alimentari e capi di abbigliamento per oltre 400 Euro, oltrepassando le casse fino ad essere fermato dal personale di vigilanza, che ha immediatamente informato il 112.



Articolo precedenteAgli italiani torna la voglia di viaggiare, il mare protagonista
Articolo successivoConte “M5s sarà il terzo polo. Il campo giusto”