Home Modena Modena, facciamo sparire la Sclerosi Multipla con un sacchetto di mele

Modena, facciamo sparire la Sclerosi Multipla con un sacchetto di mele

Modena, facciamo sparire la Sclerosi Multipla con un sacchetto di meleSabato 1 e domenica 2 ottobre 2022 le principali piazze di Modena e provincia si colorano di rosso, giallo e verde. Sono le mele di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che i volontari distribuiranno in tutta Italia per raccogliere fondi per la ricerca a fronte di una donazione minima di 10 euro

per mele di tre qualità diverse (granny smith, golden e noared) raccolte in sacchetti da 1,8 kg.

“Facciamo sparire la Sclerosi Multipla con un sacchetto di mele” è l’appello dell’associazione che ha come testimonial lo chef Alessandro Borghese, che anche in questa occasione ha voluto dare il volto all’iniziativa.

In Italia, ogni anno, 3.600 persone vengono colpite dalla sclerosi multipla. Una nuova diagnosi ogni 3 ore. Delle 133mila persone con SM, il 10% sono bambini e il 50% sono giovani sotto i 40 anni. I fondi raccolti nelle piazze andranno a garantire e potenziare i servizi destinati alle persone con SM e a sostenere la ricerca scientifica. La causa e la cura risolutiva non sono ancora state trovate ma grazie ai progressi compiuti dalla ricerca scientifica, esistono terapie e trattamenti in grado di rallentare il decorso della sclerosi multipla e di migliorare la qualità di vita delle persone con questa patologia. Attualmente sono 100 i progetti di ricerca attivi finanziari da AISM e dalla sua Fondazione e 450 i ricercatori impegnati al fianco dell’associazione.

Per chi non riesce a recarsi nelle piazze modenesi questo weekend (qui l’elenco delle piazze: aism.it/trova_la_piazza) è comunque possibile prenotare il proprio sacchetto di mele contattando la sezione provinciale ai recapiti 059 393093 – aismmodena@aism.it



Articolo precedenteMeloni “Stiamo lavorando a una squadra di governo che non vi deluderà”
Articolo successivoCentro musica, sabato in concerto i sound designer di “Exodus”