Home Modena Il tallonatore delle Zebre e dell’Italrugby Luca Bigi assistant coach del Giacobazzi...

Il tallonatore delle Zebre e dell’Italrugby Luca Bigi assistant coach del Giacobazzi e dell’Under 19

Il tallonatore delle Zebre e dell’Italrugby Luca Bigi assistant coach del Giacobazzi e dell’Under 19

Luca Bigi, tallonatore delle Zebre Rugby e della Nazionale Italiana di cui è stato anche capitano, è il nuovo assistant coach per la mischia della Prima squadra e dell’Under 19 del Modena Rugby 1965. Un innesto di assoluto valore per lo staff tecnico biancoverdeblù, una collaborazione che certifica l’impegno del club nello sviluppo e nella formazione dei propri allenatori.

“Raccolgo il testimone da Massimo Ceciliani – ha spiegato Bigi – in questo ruolo che per me è nuovo, visto che ho avuto solo qualche esperienza da tecnico nelle giovanili quando ero a Treviso. Ho accettato l’incarico con l’obiettivo di contribuire alla crescita del club, il mio ruolo di tecnico specialista sulla formazione dei ragazzi e dei tecnici si concentrerà sullo sviluppo della mischia ordinata e della rimessa laterale, dando una mano sia a Rovina per la Prima squadra sia a Guareschi per l’Under 19”.

Gli impegni con le Zebre e con l’Italrugby non permettono al tecnico nato a Reggio Emilia di essere presente a tutte le sessioni di allenamento, ma il suo contributo sarà costante anche lontano da Collegarola: “Con gli allenatori ci siamo confrontati sul progetto e sulle modalità per portarlo avanti, non solo in presenza, ma anche a distanza. L’aspettativa è quella di trasferire a tecnici e giocatori la mia esperienza, costruire un rapporto di fiducia e vedere sul campo il lavoro svolto in allenamento. In questi primi mesi a Collegarola abbiamo lavorato molto bene, sviluppando con lo staff un piano di lavoro, in linea con le possibilità e la disponibilità dei gruppi,  per essere pronti ai nastri di partenza. Ai ragazzi chiedo il massimo impegno durante le sedute di allenamento, a noi spetta il compito di metterli nelle condizioni di performare al massimo, fornirgli gli strumenti per essere altezza delle sfide che li attendono”.