Home Cronaca Bonaccini e le parti sociali dell’Emilia-Romagna martedì a Roma per incontrare il...

Bonaccini e le parti sociali dell’Emilia-Romagna martedì a Roma per incontrare il Governo

Bonaccini e le parti sociali dell’Emilia-Romagna martedì a Roma per incontrare il Governo
Bonaccini (foto Regione Emilia Romagna)

“In queste ore drammatiche per l’Emilia-Romagna, occorre davvero un impegno straordinario da parte di tutti. Per questo ringrazio la presidente del Consiglio dei ministri, Giorgia Meloni, per aver accolto la nostra richiesta di rappresentare direttamente a lei e ai ministri competenti il quadro generale della situazione nella nostra regione dopo le devastazioni causate dal maltempo. Questo incontro sarà anche utile per comunicare le esigenze immediate delle popolazioni, del mondo del lavoro, delle imprese e delle strutture pubbliche e le prime linee di intervento necessarie per accompagnare nel più breve tempo possibile la ripresa delle attività e dei servizi. E lo faremo insieme alle parti sociali della nostra regione”.

Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, alla notizia che martedì, al termine della seduta del Consiglio dei ministri, accompagnato da rappresentanti delle parti sociali dell’Emilia-Romagna, incontrerà la premier e i ministri interessati dall’emergenza.

“Con il Governo- aggiunge Bonaccini- stiamo lavorando per definire una serie di provvedimenti di urgenza che possono venire incontro alle esigenze delle famiglie, dei lavoratori, delle imprese. Per ripartire e ricostruire subito, potendo contare su risorse adeguate. Ancora una volta, l’Emilia-Romagna è pronta a rimboccarsi le maniche, con un impegno corale che non è mai mancato quando si è trattato di far fronte a situazioni difficili, oltre che nella programmazione e sulle decisioni strategiche. Ci prepariamo quindi al confronto col Governo con spirito costruttivo, per misure efficaci e non lasciare indietro nessuno”.



Articolo precedentePnrr, Fitto “Su terza rata svolto lavoro positivo, siamo fiduciosi”
Articolo successivoEsercito: passaggio della “Stecca Accademica” a Modena