Home Cronaca Vignola: recidivo, alla guida di un’auto senza patente, fermato dalla Polizia locale

Vignola: recidivo, alla guida di un’auto senza patente, fermato dalla Polizia locale

Vignola: recidivo, alla guida di un’auto senza patente, fermato dalla Polizia localeGrazie ai varchi elettronici di lettura targhe della Polizia Locale dell’Unione Terre di Castelli,  nei giorni scorsi è stato possibile fermare un’autovettura BMW inserita nella black list perché segnalata come condotta da persona priva della patente di guida. A qualche mese di distanza dall’inserimento di questa targa, a fronte di un passaggio effettuato nelle vicinanze di una pattuglia della polizia locale Terre di Castelli, è stato possibile individuare il veicolo che si stava allontanando da uno stallo di sosta vicino alla nuova sede del comando, in via Pertini a Vignola.

Alla vista della pattuglia e della paletta che intimava al conducente di fermarsi, quest’ultimo partiva a forte velocità su via Pertini con direzione Spilamberto. Ne nasceva un inseguimento a velocità sostenuta che, dopo alcuni chilometri a zig zag, sorpassi ed inversioni di marcia, si concludeva in via Vignolese dove il veicolo veniva raggiunto e costretto a fermarsi da due pattuglie della Polizia locale che nel frattempo erano state allertate.

Gli accertamenti presso le banche dati a carico del veicolo fermato, hanno confermato che l’auto stava circolando senza la copertura assicurativa obbligatoria e senza essere stata sottoposta alla revisione periodica. E’ stato anche confermato che il conducente, V.B. di anni 28 e residente a Savignano sul Panaro, circolava senza aver conseguito la patente di guida. Il giovane è stato denunciato per guida senza patente e violazione dei sigilli, in quanto il veicolo era già stato sottoposto a sequestro, mentre l’auto è stata definitivamente sequestrata e messa a disposizione dell’Autorità.



Articolo precedenteRinnovata la convenzione per la gestione del Canile intercomunale sottoscritta dal Comune di Modena
Articolo successivoGarante a Cgil e Uil “Mancano i requisiti dello sciopero generale”