Home Ambiente A Maranello nuovi contributi per l’acquisto di biciclette e monopattini

A Maranello nuovi contributi per l’acquisto di biciclette e monopattini

ora in onda
________________



A Maranello nuovi contributi per l’acquisto di biciclette e monopattiniGrazie agli stanziamenti economici da parte dell’amministrazione comunale, a Maranello è stato possibile soddisfare tutte le richieste giunte nei termini stabiliti per il contributo finalizzato all’acquisto dei mezzi a due ruote. Si tratta dei cittadini che nei mesi scorsi avevano fatto richiesta dei contributi regionali e che erano rimasti esclusi con l’esaurimento di quel bonus. Ora un apposito stanziamento aggiuntivo da parte del Comune di Maranello ha permesso loro di accedere al contributo, che potrà essere utilizzato per ottenere uno sconto del 50%, fino a un massimo di 200 euro, sull’acquisto di una bicicletta (elettrica e non) o di un monopattino.

“Con questo intervento aumentiamo la platea dei cittadini che possono contribuire, con l’utilizzo di mezzi non inquinanti come bici o monopattini, al miglioramento delle condizioni ambientali sul territorio e più in generale alla diffusione di una mobilità leggera”, commenta Chiara Ferrari, assessore a mobilità e smart city. “Prosegue così l’impegno dell’amministrazione nell’investimento sulla mobilità sostenibile, attraverso progetti come il Bike To Work che coinvolgono i privati e l’estensione della rete delle piste ciclopedonali”.
I beneficiari, a partire dalla data della comunicazione, hanno trenta giorni di tempo per compilare il modulo relativo al bonus (completo del proprio IBAN) ed inviarlo all’Ufficio Ambiente del Comune, allegando la fattura di acquisto della bici o del monopattino (purché datata dopo il 20 maggio 2020). Controllata la pratica, il Comune erogherà l’ammontare previsto direttamente sul conto del destinatario. A tutti gli ammessi al contributo ‘Bike to work’ verrà inoltre regalata una chiavetta magnetica per l’utilizzo gratuito delle due velostazioni collocate lungo le ciclabili in via Dino Ferrari (nei pressi del Museo Ferrari) e in via Alboreto (presso il Terminal dei bus).