Home Appuntamenti Venerdì 30 luglio ultimi appuntamenti con “Estate a Vignola”

Venerdì 30 luglio ultimi appuntamenti con “Estate a Vignola”

ora in onda
________________



Venerdì 30 luglio ultimi appuntamenti con “Estate a Vignola”Si chiude venerdì 30 luglio la rassegna “Estate a Vignola” che tanto successo ha riscosso nei venerdì del mese di luglio. La formula, anche per l’ultimo appuntamento, rimane invariata: le vie del centro di Vignola saranno illuminate da centinaia di lampadine, mentre in sottofondo il sistema di filodiffusione proporrà musiche da ascolto. Su viale Mazzini, parata di auto storiche a cura del Classic Club Vignola. Artisti di strada – trampolieri, giocolieri, mangiafuoco e clown – si muoveranno lungo le vie e le piazze. I locali – bar e ristoranti – apparecchieranno sotto le stelle. I negozi hanno la possibilità di tenere aperto.

Aperti per le visite serali i luoghi della cultura cittadini: grazie ai volontari delle associazioni locali si potranno visitare, dalle ore 21.00 alle ore 22.30, le sale storiche della Villa comunale Tosi-Bellucci con l’acetaia, la scala chiocciola a Palazzo Barozzi, la Chiesa Parrocchiale dedicata ai Santi Nazario e Celso e il Museo civico di Vignola in via Cantelli. Le visite sono gratuite e avverranno in piccoli gruppi, nel rispetto della normativa per il contrasto alla diffusione della pandemia.

Per quanto riguarda le sale storiche della sede comunale, l’ottocentesca Villa Tosi-Bellucci, i visitatori potranno spostarsi tra le sale affrescate del corpo centrale, l’imponente doppio scalone, la sala Giunta, gli uffici del sindaco e della sua segreteria, e anche la sala del Consiglio comunale. Grazie ai volontari della Consorteria dell’Aceto Balsamico tradizionale e dell’Agromela di Vignola, si potrà anche salire nel sottotetto per vedere l’Acetaia comunale, passando per una peculiare scala a doppio passo. Esposte al pubblico anche le opere del pittore di fama internazionale Giovanni Manfredini di proprietà del Comune di Vignola. Le visite alla villa sono state rese possibili grazie ai volontari del Gruppo Mezaluna – Mario Menabue e dell’Università Popolare N. Ginzburg di Vignola.