Home Appuntamenti Maranello, il Console Argentino Niscovolos in visita a Maranello nel nome di...

Maranello, il Console Argentino Niscovolos in visita a Maranello nel nome di Fangio

ora in onda
________________



Maranello, il Console Argentino Niscovolos in visita a Maranello nel nome di FangioItalia e Argentina unite dalla passione per i motori: Maranello, città della Ferrari, e Balcarce, città natale di Juan Manuel Fangio, campione mondiale con la Scuderia del Cavallino nel 1956, proseguono il loro percorso verso una collaborazione che avrà come sfondo la storia dell’automobilismo sportivo del Novecento.

L’iter farà un ulteriore passo in avanti sabato 11 dicembre, in occasione della visita a Maranello di Luis Pablo Niscovolos, Console Generale Argentino a Milano, già incontrato dal Sindaco Luigi Zironi alcuni mesi fa. In quell’occasione entrambi avevano espresso la volontà di rafforzare, anche dal punto di vista istituzionale, il rapporto tra le due comunità.

Sabato mattina saranno presenti anche altri rappresentanti dell’Associazione ‘Città dei Motori’, la Rete Anci che riunisce i Comuni italiani a vocazione motoristica: tra questi ci sarà Claudiano Di Caprio, sindaco di Galliate, città novarese in cui Fangio visse per un certo periodo e che oggi è sede del Museo dedicato al pilota automobilistico Achille Varzi.

E a fare da cornice all’evento, in Piazza Libertà a partire dalle 12, si terrà un’esibizione di ballerini di tango e una degustazione di vini argentini.
“Quella dell’automobilismo sportivo del Novecento è una avventura straordinaria – è il commento di Luigi Zironi, Sindaco di Maranello e presidente di Città dei Motori -. Personaggi come Enzo Ferrari e Juan Manuel Fangio hanno scritto pagine uniche di una storia emozionante che ha profondamente coinvolto le persone e i territori. E la collaborazione tra le comunità di Maranello e Balcarce, già unite da una passione comune, può diventare per entrambe un’occasione di scambio culturale, linguistico ed economico attraverso la condivisione delle rispettive eccellenze territoriali”.