Home Modena Modena, i ragazzi di “Iride” hanno incontrato l’assessora alle Politiche sociali Roberta...

Modena, i ragazzi di “Iride” hanno incontrato l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli

ora in onda
________________



Modena, i ragazzi di “Iride” hanno incontrato l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli“Siete i benvenuti e per noi è un piacere accogliervi a Palazzo comunale, che è la casa di tutti i modenesi”. Lo ha affermato l’assessora alle Politiche sociali Roberta Pinelli incontrando nella mattinata di oggi, venerdì 17 dicembre, una rappresentanza degli ospiti del centro socio-riabilitativo diurno “Iride”.

L’appuntamento ha costituito anche l’occasione per scambiarsi gli auguri di Natale, un momento di festa impreziosito dalla donazione al Comune di alcuni oggetti realizzati a mano dagli stessi ragazzi della struttura di via Campi che svolge attività di accoglienza per persone con disabilità grave e medio-grave.
I ragazzi, in particolare, hanno fatto tappa in piazza Grande, salendo sullo scalone del Municipio, nell’ambito della camminata di “nordic walking” organizzata dalla Uisp Modena, un’attività che rientra nel “Progetto Benessere” promosso dell’associazione con l’obiettivo di promuovere corretti e sani stili di vita proponendo diverse attività finalizzate al mantenimento del benessere psicofisico della persona. Ad accompagnarli erano presenti Fabia Giordano, dirigente Uisp Modena e insegnante della disciplina nordica, e le due educatrici del centro “Iride” Donatella Accoto e Maimuna Ahmed Ismail.

Gli ospiti del centro sono stati suddivisi in due gruppi: dopo la prima passeggiata conclusa con l’incontro con l’Amministrazione comunale, nei prossimi giorni toccherà ad altri ragazzi cimentarsi con bastoni e scarpe da ginnastica. “Si tratta di un’iniziativa importante per questi ragazzi – sottolinea Fabia Giordano – che consente loro di uscire dal centro e di svolgere un’attività che combina la socialità con lo sport. Dopo le restrizioni legate all’emergenza sanitaria, che hanno evidentemente comportato un rallentamento delle attività, pratiche come queste, che proponiamo una volta alla settimana, assumono ancora più valore”.