Home Castelfranco Emilia Castelfranco Emilia, al via nuovi servizi educativi su misura: oltre il nido

Castelfranco Emilia, al via nuovi servizi educativi su misura: oltre il nido

Castelfranco Emilia, al via nuovi servizi educativi su misura: oltre il nidoIl Comune di Castelfranco Emilia anche grazie al contributo della Fondazione di Modena ha colto una sfida importante per l’anno 2022: realizzare nuovi progetti in campo educativo per promuovere il benessere dei bambini e delle bambine e sostenere le famiglie aumentando la coesione sociale.

 

Già da settembre 2021 i servizi educativi si sono diversificati ampliando l’offerta in termini qualitativi

Ø  con una sezione rivolta a bambini dai 3 mesi ai 12 mesi (sezione lattanti)

Ø  e una stanza per l’allattamento fruibile anche in orario di nido da parte delle mamme lavoratrici

Ora per continuare in questa direzione di sostegno alle famiglie e promozione del benessere e della crescita dal 15 gennaio 2022 saranno attivati nuovi servizi rivolti ai bambini dai 0 ai 6 anni, anche valorizzando e promuovendo esperienze di comunità familiari e di auto-mutuo aiuto.

I servizi che saranno proposti intendono rispondere a nuovi ed emergenti bisogni socio/educativi e saranno tutti gestiti dall’attuale gestore Coop Gulliver.

Si tratta di alcuni servizi integrativi e alcuni servizi sperimentali e ricreativi che vanno ad allargare la gamma di offerte educative esistenti garantendo così una pluralità e diversificazione di offerte.

Saranno servizi che intendono promuovere il confronto tra genitori e adulti per elaborare una cultura dell’infanzia tramite il coinvolgimento delle famiglie, che diventa risorsa attiva e della comunità locale che diventa COMUNITA’ EDUCANTE.

Tra i servizi integrativi: Spazio Bambino e Centro Bambini e Famiglie.

Accanto a questi, prenderanno il via servizi sperimentali come il nido a pacchetto e servizi ricreativi come il  maternage.

“Con questa importante sperimentazione, abbiamo voluto dare una risposta veramente su misura, praticamente sartoriale, a tutte le famiglie che per varie ragioni erano rimaste escluse dalle liste – ha dichiarato il Sindaco di Castelfranco Emilia Giovanni Gargano ponendo l’accento su un altro aspetto centrale – dare sostegno concretamente alla genitorialità. Un impegno, anche questo, che mi ero assunto in campagna elettorale e che trova così, ancora di più, la sua attuazione con un’ampia, completa e dettagliata concretizzazione per l’intera comunità. Anche questa è una risposta a un altro faro per noi imprescindibile: nessuno deve restare indietro, mai”.

“Sono tutti servizi che vanno oltre il nido tradizionale per soddisfare nuovi bisogni e sostenere con opportunità nuove le diverse scelte educative delle famiglie.

Tutti i servizi hanno caratteristiche educative che si declinano in maniera diversificata  per rispondere a esigenze differenti, di volta in volta avranno caratteristiche più ludiche, culturali e di aggregazione sociale, prevedono varie forme di funzionamento (tra le quali la presenza di bambini anche accompagnati dai genitori) e un’organizzazione flessibile e diversificata” ha dichiarato l’Assessore alla Scuola Rita Barbieri sottolineando come “ancora una volta il desideriamo essere con pragmaticità e nei fatti a fianco di tutta la nostra Comunità”.

Ma andiamo ad analizzare nel dettaglio  i servizi che saranno proposti già da gennaio:

 

SPAZIO BAMBINO “IL PULCINO COSMICO”

Lo spazio bambini è un servizio educativo integrativo previsto dalla normativa regionale che a Castelfranco a partire dal 17 gennaio prevederà una frequenza antimeridiana, senza la somministrazione del pasto, per 9 bambini di età compresa tra 18/36 mesi. Presso il nido La Girandola a Castelfranco Emilia in Via Pablo Picasso, 27 i locali saranno allestiti e adeguatamente attrezzati per accogliere tre ore dalle 9 alle 12 i bambini dal lunedì al venerdì dove verranno affidati alla cura  di una educatrice professionista

Il servizio non prevede la mensa ma sarà offerta una merenda “rinforzata” , il momento del sonno non è strutturato in maniera stabile tra le “routine”, ma saranno comunque allestiti angoli morbidi e spazi  relax per assecondare i bisogni specifici di ogni bambino

il servizio intende rispondere con proposte educative di qualità, alle esigenze evolutive e di crescita dei bambini dai diciotto ai trentasei mesi, la progettazione pedagogica di spazi, tempi e attività è finalizzata al raggiungimento  di autonomia dei bambini e di costruzione delle regole sociali.

Il servizio prevede una contribuzione al pagamento da parte dell’utente secondo le proprie capacità economiche e la quota mensile è fissata da un minimo di € 30,00 a un massimo di € 100,00 in maniera proporzionale applicando al valore ISEE una percentuale del 0,003.

 

CENTRO BAMBINI E FAMIGLIE “EMILIO”

Sempre a Castelfranco Emilia dal lunedì al venerdì nei locali in Via Risorgimento c/o il nido Scarabocchio ma con accesso separato, sarà aperto un Centro per Bambini e Famiglie dove i bambini e i loro genitori, o adulti accompagnatori, saranno accolti in un contesto di socialità e di gioco per i bambini, e di incontro, comunicazione e confronto per gli adulti.

“Emilio”, al via sempre dal 17 gennaio, è un servizio educativo integrativo che vede la compresenza di adulti di riferimento (genitori, nonni, ecc.)i e bambini: Si tratta di un servizio educativo di sostegno alla relazione e al gioco nella prima infanzia .

La coppia adulto e bambino sarà accolta da educatori/animatori che hanno il compito di facilitare la fruizione di spazi dedicatorio al gioco, facilitare la relazione tra bambini e bambini e tra adulti con lo scopo di scambiare esperienze tra coetanei e loro accompagnatori. L’educatore in un contesto di gioco e socialità farà proposte educative rivolte all’utenza e progetterà insieme alle famiglie percorsi e iniziative mirate secondo un calendario mensile.

Il progetto pedagogico in connessione con le finalità dei nidi e scuole d’infanzia si declina sulla base degli iscritti e in base all’età dei frequentatori il centro.

Con l’obiettivo di favorire relazioni e scambio e sostenere i bisogni educativi delle famiglie , il Centro per Bambini e Famiglie per bambini in età 12/36 mesi è aperto alla frequenza anche dei fratelli e delle sorelle maggiori, fino ai 6 anni di età frequentanti e non la scuola dell’infanzia.

Funziona indicativamente per due volte la settimana (di mattina e/o di pomeriggio) per ogni gruppo di bambini; l’organizzazione prevede 10 coppie adulto/bambino per gruppo. divisi in tre gruppi in base all’età

Gruppi dai 12/36 mesi: sono previsti due gruppi che accolgono massimo 10 coppie adulto/bambino con possibilità di frequenza 2 volte la settimana  gli incontri si svolgono:

a)      Lunedì dalle 9.00 alle 12.00 e giovedì  dalle 15.00 alle 18.00

b)     Martedì dalle 9.00 alle 12.00 e venerdì  dalle 15.00 alle 18.00

Per i bambini un’esperienza di socializzazione e l’occasione di seguire proposte di gioco suggerite dalle educatrici. Per gli adulti, un’occasione di incontro in cui confrontarsi con altri genitori e per sperimentare nuove attività con i propri bambini. Per motivi legati alla capienza degli spazi è consentita la partecipazione di un adulto accompagnatore per bambino.

Gruppo da 3 a 6 anni – Per famiglie con bambini da 3 a 6 anni. La proposta è articolata in un gruppo a numero chiuso di 10 coppie adulto/bambino e gli incontri si svolgono il martedì dalle 16.00 alle 18.30

Per tutti i bambini che ancora non vanno alla scuola Primaria e per le loro famiglie. Un contesto accogliente nel quale giocare con bambini di diverse età con proposte di gioco e laboratori in ogni apertura. Per i genitori un’occasione per conoscere altre famiglie.

Mensilmente sarà fatto un programma di attività finalizzate all’intrattenimento ed alla socializzazione dei bambini, commisurato all’età degli stessi, e dovrà prevedere, a titolo esemplificativo ma non esaustivo:

–          attività di gioco socializzanti;

–          percorsi laboratoriali;

–          incontri specifici per mamme e papà

–          Filastrocche e fiabe in musica”: laboratori ludici musicali

–          Libro Amico: incontri con la bibliotecaria

–          Biodanza per genitori e bambini

–          Percorsi musicali genitori e bambini

–          Momenti di papà sabato mattina i padri possono condividere con i figli attività laboratoriali e momenti di confronto con altri genitori

–          Nonno ci sei? Spazi aperti per nonni e bambini il venerdì pomeriggio per sollecitare e integrare queste figure parentali nell’educazione dei figli e nella rete della comunità educante

Tutte le attività verranno realizzate in collaborazione con altri servizi del territorio come ad esempio il CENTRO PER LE FAMIGLIE E LA BIBLIOTECA.

MATERNAGE “STELLA STELLINA”

Tra le attività proposte c/o i locali di Via Risorgimento e c/o il Centro Bambini e Famiglie è previsto uno spazio di incontro per neo-mamme e bambini dai 0 ai 12 mesi .

Qui, dal 19 gennaio, i bambini piccolissimi potranno trascorrere alcune ore in un ambiente appositamente progettato per loro e sperimentare i primi giochi all’interno di un gruppo; i genitori potranno confrontarsi e discutere di tematiche educative, confrontarsi sulla genitorialità e su argomenti di interesse comune, apprendere il massaggio infantile

gli incontri si svolgeranno il Mercoledì  dalle 16.00 alle 18.30.

Sarà uno spazio in cui fare i primi giochi con mamma e papà, un luogo  dove raccontarsi, dove condividere le storie tra neogenitori facilitati dalla guida esperta di operatori del centro .

Nell’ambiente accogliente e a misura di neonato troveranno spazio anche proposte mirate per favorire, sostenere e accompagnare la relazione tra genitore e bambino e tra famiglie.

 

A titolo esemplificativo e non esaustivo

Ø  insegnamento del massaggio neonatale (A.I.M.I.);

Ø  “Il tè delle cinque”: appuntamento in cui l’operatore del Centro per le Famiglie alle cinque partecipa a un momento di conversazione informale con il gruppo di neogenitori e l’educatrice del servizio Maternage ;

Ø  “Fascioteca”: creare e cucire una fascia,;

Ø  “Conversazioni coi genitori: possibili approfondimenti e conversazioni su alimentazione, manovre di disostruzione pediatriche, sonno, con coinvolgimento di pediatri di libera scelta, pedagogisti o altri operatori e/o servizi della rete;

Ø  Yoga mamma e bambino e in gravidanza:

 

NIDO FLESSIBILE A PACCHETTI  “PRIMI VOLI”

Tra le offerte più innovative e che vanno nella direzione della flessibilità e con lo scopo di avvicinare le famiglie ai servizi educativi a piccoli passi, c’è il nido a pacchetti che prenderà il via a partire dal 1 febbraio.

Si tratta di un servizio sperimentale per bambini da uno a 3 anni che allarga ulteriormente le opportunità educativa. L’esperienza rappresenta per le famiglie un’occasione di conoscenza dell’offerta dei servizi educativi presenti sul territorio, per i bambini accolti è un’ opportunità educativa e di socializzazione, e per entrambi genitori e bambini, condividendo le medesime linee guida progettuali del nido tradizionale, può essere un primo graduale approccio ai servizi educativi di nido d’infanzia: un assaggio di nido appunto.

Caratteristica del servizio è la flessibilità organizzativa e una maggiore accessibilità rispetto ai servizi tradizionali, pur mantenendo la valenza educativa, ed è per questo motivo che si colloca all’interno di un servizio educativo quale è il nido e non in altri contesti.

In una prima fase sperimentale il servizio sarà organizzato c/o i nidi Girandola in Via Pablo Picasso ma poi in relazione alle richieste potrà essere ospitato anche presso altri nidi del capoluogo e delle frazioni.

Il servizio rappresenta una importante occasione di conciliazione per consentire ai genitori di vivere spazi propri sapendo di poter usufruire di un servizio educativo pensato per rispondere ai bisogni dei bambini.

Caratteristica del servizio è la frequenza flessibile e ridotta da acquistare a “pacchetti” con un massimo di 2 o 3 giorni la settimana dalle ore 9 alle 12 senza la consumazione del pasto ma con una merenda rinforzata e la possibilità di fare un riposino se i bisogni del bambino lo richiedono. La famiglia potrà acquistare pacchetti di servizio da utilizzarsi in un arco di tempo prescelto dalle famiglie: uno, due, quattro o sei mesi.

 

Le  frequenza per ora saranno:

a)     Lunedì/mercoledì/venerdì

b)     Martedì/giovedì

 

La famiglia paga gli ingressi che utilizza: ingressi di 8/12/24/36   per la durata di 1/2/4/6 mesi

Le tariffe piene (8 ingressi € 123,00, 12 ingressi: € 153,00, 24 ingressi € 225,50 e 36 ingressi € 368,00) in caso di ISEE inferiore ai 26000 saranno riparametrate in 69 euro per 8 ingressi, 86,00 per 12 ingressi, 126,00 per 24 ingressi e 206 euro per 36 ingressi.

 

 

 

 



Articolo precedenteCovi: oggi (11/1) in regione +14.000 nuovi casi su 78.623 tamponi eseguiti (-1,4% rispetto a ieri). Trentacinque i decessi
Articolo successivoAccordo col Centro fauna di Modena sul recupero delle carcasse di animali selvatici per contrastare la peste suina