Home Appuntamenti In occasione di Smart Life Festival l’incontro “Una nuova generazione di Sanità”

In occasione di Smart Life Festival l’incontro “Una nuova generazione di Sanità”

In occasione di Smart Life Festival l’incontro “Una nuova generazione di Sanità”Nell’ambito dell’ottava edizione di Smart Life Festival, la manifestazione della Cultura Digitale che quest’anno sarà dedicata al tema Generazioni, venerdì 29 settembre alle 11.00, si tiene l’appuntamento “Una nuova generazione di Sanità”. L’iniziativa, promossa da Unimore, Tecnopolo di Modena, Tecnopolo TPM Mario Veronesi di Mirandola e Fondazione Democenter, si svolgerà presso Il Teatro della Fondazione San Carlo, a Modena (Via San Carlo, 5) con partecipazione gratuita previa registrazione obbligatoria (bit.ly/3Ya2C0).

La “medicina di precisione” è una frontiera della medicina che ha l’obiettivo di sviluppare farmaci “su misura”, analogamente a un abito “cucito su misura”. Sul fronte diagnostico mediante la tecnologia bioprinting si possono ricreare patologie in vitro con cellule del paziente stesso, da utilizzare per testare trattamenti, mirati a identificare quello più efficace, in tempi più brevi, preservando il benessere del paziente e riducendo gli effetti collaterali. Sul fronte terapeutico, come testimone da questa alla prossima generazione sono le terapie in ambito oncologico.

Un esempio è rappresentato dal trattamento di tumori mediante l’utilizzo di linfociti T del paziente che vengono “istruiti” e “armati” in laboratorio contro le cellule del tumore stesso.

Verranno quindi presentate le ultime ricerche in campo della bio-ingegneria al servizio della medicina, dove i ricercatori a stretto contatto col medico e col paziente, possono definire terapie ed evitare, quando possibile, effetti collaterali di trattamenti inefficaci.

Dopo i saluti istituzionali di Aldo Tomasi, Professore Emerito di Unimore e Direttore scientifico del laboratorio di Tossicologia del Tecnopolo  Mario Veronesi di Mirandola, sono previsti gli interventi di: Elena Veronesi, responsabile del laboratorio di microscopia applicata e biologia cellulare del Tecnopolo di Mirandola; Tiziana Petrachi, ricercatrice dello stesso laboratorio; Giulia Grisendi e Chiara Chiavelli, ricercatrici Unimore, Prof. Luigi Rovati di Unimore e Direttore scientifico del laboratorio materiali, sistemi e sensori del Tecnopolo di Mirandola e Prof. Massimo Dominici di Unimore, Direttore Oncologia del Policlinico di Modena, Direttore Laboratorio Terapie Cellulari e Direttore scientifico del Laboratorio di microscopia applicata e biologia cellulare del Tecnopolo Mario Veronesi.



Articolo precedenteLavoro irregolare nella ristorazione, Cisl: “Fenomeno in aumento, i giovani si ribellino”
Articolo successivoDalla Regione 5,4 milioni di euro per rimuovere le barriere architettoniche negli ambienti domestici